13° Rally Ronde del Canavese

Sono 54 gli equipaggi che confezionano l’elenco iscritti della Ronde del Canavese giunta alla sua 13° edizione. Un evento sicuramente penalizzato dal rinvio dovuto al rischio maltempo nel week-end fra il 24 e 25 Febbraio e spostato al 17 e 18 marzo dove per altro è in concomitanza con altre due manifestazioni in Lombardia e Veneto.

 Nonostante tutto il menù canavesano propone un appuntamento interessante dove spiccano le presenze del cuneese Alessandro Gino il quale, insieme a Marco Ravera proverà a bissare il successo ottenuto lo scorso anno a bordo della Ford Fiesta Wrc.

Il piemontese dovrà tuttavia vedersela con una concorrenza molto qualificata. Ad iniziare dal Laziale Andrea Minchella al via con Venanzio Aiezza sulla Ford Fiesta Wrc con i colori della Biella Corse. A bordo di una Word Rally Car anche il vincitore del Campionato Italiano Velocità si ghiaccio 2017 Alessandro Pettenuzzo il quale, insieme a Roberto Aresca, disporrà della Ford Focus abitualmente usata dal papà Augustino.

Altra presenza di spicco quella del monegasco Fabien De Planche in gara con Julien Reisdorf con una Skoda Fabia iscritta in classe R5 dove è attesa la sfida con la vettura gemella di Mario Trolese e Paolo Porta equipaggio inedito che come De Planche corre con i colori della Turismotor’s. Interessante il confronto anche fra le Super 2000 con i locali Gianluca Tavelli e Nicolò Cottellero sulla Skoda Fabia pronti a sfidare i settimesi Riccardo Lopes e Stefano Mazzetto che disporranno invece di una Punto Abarth.

Nella stessa classe tutta da seguire la prestazione a bordo della Peugeot 207 di Giovanni Bausano e Andrea Scali, idoli locali vincitori lo scorso anno del “Memorial Gino Bellan” riservato al primo equipaggio canavesano classificato. Completano la classe Super 2000 Manuele Recrosio e Andrea Fegatelli a bordo di una Peugeot 207.

Unica presenza femminile quella di Caterina Costanzo insieme ad Erica Cima le quali approfittano del gara di casa per risalire sulla piccola Mitsubishi Colt. Il programma della manifestazione prevede sabato 17 Marzo  le verifiche tecniche e sportive e in seguito lo shake down e la consueta cerimonia di partenza dall’allea di Corso Indipendenza nell’elegante centro di Rivarolo.

Le attenzioni sono però puntate sulla Domenica quando alle 8.01 le vetture usciranno dal parco chiuso notturno e dopo una breve assistenza a Courgnè si dirigeranno verso lo start del primo passaggio previsto per le 8.56. I successivi passaggi alle 11.25-13.54- 16.23 con una pausa dopo ogni prova dove i concorrenti faranno tappa a Courgnè per il riordino e l’assistenza. L’arrivo finale con le premiazioni poco dopo le 17 sempre a Rivarolo. La 13° Rally Ronde Canavese assegna anche in questa edizione i  Memorial Livio Bausano e Gino Bellan e il Trofeo TCA Trasporti.

ALESSANDRO GINO E MARCO RAVERA CONCEDONO IL BIS ALLA RONDE DEL CANAVESE

Il cuneese si aggiudica una sfida combattuta con il laziale Minchella.

Terzi assoluti Alessandro Pettenuzzo e Roberto Aresca sulla Ford Focus

Le insidie dovute al maltempo non hanno frenato il passo di Alessandro Gino e Marco Ravera. L’equipaggio cuneese a bordo della Ford Fiesta Wrc Tam-Auto ha vinto la 13° edizione della Ronde del Canavese bissando cosi il risultato ottenuto lo scorso anno. La gara ha vissuto sulla sfida a tratti molto intensa con il laziale Andrea Minchella per la prima volta al via con Venazio Aiezza sulla vettura dell’ovale blu praticamente gemella a quella usata dall’imprenditorie di Cuneo. Partiva subito molto deciso Alessandro Gino, abile a far segnare il miglior tempo sul primo passaggio umido e a tratti molto scivoloso a causa della pioggia.

Una incertezza nell’inversione di Pratiglione faceva spegnare la vettura e costava a Gino il primato in classifica nella ripetizione della prova. Minchella infatti vinceva il parziale e recuperando il gap si portava in testa nella classifica provvisoria a metà gara. Gino, dal canto suo, non si dava per vinto e con una reazione decisa si riportava in testa dopo il terzo tratto cronometrato.

La sfida si decideva quindi  sull’ultimo round, caratterizzato da una pioggia insistente e nei pressi del fine prova addirittura dalla neve. Anche sui chilometri finali il ritmo del cuneese Gino non registrava incertezze e permetteva al veloce driver piemontese di conquistare il bottino pieno ai danni del veloce pilota ciociaro. Il giovane Alessandro Pettenuzzo dimostra un buon affiatamento con la Ford Focus abitualmente usata dal papà e insieme a Roberto Aresca chiude al terzo posto assoluto una gara particolarmente impegnativa dove approfitta di un errore finale di Tavelli per salire sul podio.

Gara di grande livello per Mario Trolese al via con Paolo Porta nel ruolo estemporaneo di navogatore sulla Skoda Fabia della Roger Tuning. Una seconda parte molto più frizzante dopo aver risolto i problemi di salute che lo avevano frenato nelle prime fasi, permette a Trolese di conquistare il 4° posto assoluto. Concludono al 5° posto finale Gianluca Tavelli e Nicolò Cottellero in gara sulla Skoda Fabia della 2G Sport. Un podio finale che sembrava alla loro portata è stato invece vanificato da un “dritto” sull’ultimo passaggio ma non impedisce al pilota Skoda e al suo navigatore di conquistare il “Memorial Gino Bellan” riservato al primo equipaggio canavesano.

Riccardo Lopes e Stefano Mazzetto portano la Punto Abarth del team D’Ambra al sesto posto assoluto grazie ad una gara veloce e precisa conclusa davanti alla Peugeot 207 di Giovanni Bausano e Andrea Scali frenati da una penalità ad un controllo orario di inizio gara. Manuele Recrosio e Andrea Fegatelli sono protagonisti di un’ottima prestazione a bordo della 207 Super 2000 con la quale concludono all’ottavo posto assoluto. Silvano e Silvia Bianciotto conquistano la vittoria di classe e il non posto assoluto a bordo della Renault Clio mentre in decima posizione troviamo i lombardi Stefano Moretti e Nicola Doglio a bordo della Mitsubishi. Sfortunate le canavesane Caterina Costanzo e Erica Cima in gara sulla piccola Mitsubishi Colt a gasolio costrette allo stop proprio sull’ultima prova. Hanno concluso la gara 38 vetture.